Baby monitor l’arma segreta delle mamme.

Un bambino che arriva è la gioia più immensa che si possa provare: una nuova vita si affaccia al mondo, scoprendolo, mano nella mano, con mamma e papà. Per aiutare il proprio piccolo ad affrontare il meraviglioso viaggio della vita, occorrono i giusti strumenti: il baby monitor, infatti, è un prodotto che non può mancare nel corredo del bebè. A cosa servono? A tenere sotto controllo, costantemente, la nanna del proprio piccolo a distanza.

Baby MonitorIl riposo, per un bambino, è fondamentale: poter vegliare sulla sua nanna durante le proprie mansioni domestiche, è molto importante. La maggioranza dei baby monitor in commercio, consente di controllare la temperatura presente nella stanzetta del piccolo: è importante che la temperatura non sia troppo alta, per conciliare un sonno talvolta difficile da prendere.

Nel caso in cui il bimbo fosse un neonato piuttosto irrequieto e irritabile, il contatto con la pelle della mamma o del papà favorirà sicuramente notti più tranquille e sonni più rilassati: il movimento, poi, è un ulteriore fonte di rilassamento per i più piccoli, cullare il neonato, magari al sicuro tra le braccia del genitore, favorirà la nanna.

Nel corso delle prime settimane di vita, è importante consentire al piccolo di imparare a dormire da solo: le poppate dovranno scandire la sua giornata e, per far sì che sia in grado di addormentarsi in completo relax, cullarlo prima di metterlo nel suo lettino è una cosa molto importante.

Qualora la cosa funzionasse, non andrà svegliato fino alla poppata successiva: nel caso in cui dovesse innervosirsi, contare su un buon baby monitor farà sicuramente la differenza. Attivandosi nel momento in cui starà captando un suono, il baby monitor consentirà di intervenire prontamente per andare a calmare un pianto disperato o una ricerca di attenzione. Per calmarlo ulteriormente, è possibile sfruttare una delle ninna nanne preinstallate in ogni dispositivo, attivabili, solitamente, dall’unità genitore: la maggioranza dei baby monitor danno, inoltre, la possibilità di attivare una lucina per la notte, utile sia per controllare il piccolo al buio, nel caso in cui il dispositivo non fosse dotato di visuale notturna, che per farlo rilassare e addormentare dolcemente.

La routine di sonno è importantissima: a partire dal secondo o tuttalpiù dal terzo mese, è opportuno consentire al proprio piccolo di imparare a dormire correttamente. Per farlo, un bel bagno rilassante con qualche delicato massaggio sul corpo, prima della nanna, e, a partire dal sesto mese di vita, una favola prima di addormentarsi assieme a un bell’orsacchiotto di pezza.

Il sonno notturno del proprio bimbo dipende anche dalla regolarità delle poppate durante il giorno, che devono essere sempre ottimizzate e regolari: durante la notte, invece, è importante tenere le luci basse e prendere l’abitudine di cambiargli il pannolino soltanto se strettamente necessario.

E niente paura! Con un buon baby monitor che sia audio o video, al proprio fianco, il mestiere più difficile del mondo – ma sicuramente il più bello! -, quello del genitore, sarà una splendida avventura.