PSICOMOTRICITA' E
MINI OLIMPIADI

SCUOLA DELL'INFANZIA E PRIMARIA CHILIVANI

PROGETTO PSICOMOTRICITA' E MINI OLIMPIADI

 

 

PROGETTO PSICOMOTRICITA'

Il progetto psicomotricità è stato avviato partendo da una conoscenza globale del proprio corpo per poi passare all'analisi delle sue parti:
il viso e le sue espressioni (riso, pianto, etc.), le mani, i piedi…
Abbiamo iniziato col raccontare ai bambini la "Storia di Cipì" (di Mario Lodi). Abbiamo immaginato una rondinella che dal paese di "Gianfranco" emigra da noi e cerca una nuova casa.
Tramite conversazioni guidate abbiamo fatto riflettere i bambini sul racconto, li abbiamo invitati a proseguirlo con situazioni nuove
(Cipì fa amicizia con le farfalline, incontra le cornacchie, si rifugia nel suo nido quando piove...).
Ogni nuovo elemento aggiunto al racconto è stato rielaborato graficamente dai bambini ed ha ispirato dei giochi imitativi (il volo della rondine, il movimento degli alberi all'arrivo del vento,…).

Molte delle scuole materne ed elementari del II Circolo di Ozieri hanno partecipato alle Mini Olimpiadi con Una corsa per una vita.

Plastico delle Mini Olimpiadi


Anche questa manifestazione ha contribuito alla raccolta fondi per adozioni a distanza all'interno del Progetto Solidarietà.
I bambini si sono impegnati nella preparazione di due esercizi-gioco:
- i bambini del 2° e 3° anno hanno eseguito una coreografia su base musicale utilizzando dei cerchi e con la successione armonica
di diverse figure;


- i bambini del 1° anno hanno eseguito un percorso con corsa, slalom, salti a piedi uniti dentro le ruote, asse di equilibrio, salto ad ostacoli.

Le Mini Olimpiadi si sono svolte il 29 maggio 2002 al campo sportivo "Angelo Masala" di Ozieri.
Padrino della manifestazione è stato il campione mondiale di atletica leggera Gennaro di Napoli che con la sua presenza ha voluto dare un importante segnale a tutti, grandi e piccoli.
Le attività hanno favorito la percezione del proprio corpo nella sua globalità e nelle singole parti, l'acquisizione di un buon senso ritmico, degli schemi corporei di base e degli schemi dinamici (camminare, saltare, spostarsi).
Negli elaborati grafici dei bambini più piccoli appare un esatto schema corporeo (testa, collo, busto…), mentre i più grandi sono in grado di rappresentare graficamente gli schemi dinamici di base (in piedi, seduto..).

 

Torna su


ALTRE FOTO DELLE MINI-OLIMPIADI